La Kinesiologia Applicata é una semeiotica (studio dei segni) neuro-muscolare, definita negli Stati Uniti negli anni “60 in ambiente chiropratico, che si basa sull’osservazione di come varia il tono muscolare al mutare degli stimoli a cui l’individuo vene sottoposto.

Qualsiasi reazione corporea é modulata dal Sistema Nervoso Centrale (SNC) che coordina le reazioni dell’organismo agli stimoli sia propriocettivi (che originano dall’organismo stesso) sia esterocettivi (che provengono dall’ambiente esterno).
In ogni caso il tono muscolare ne risulta coinvolto divenendo così un prezioso elemento di valutazione della qualità dello stimolo proposto: se questo induce un peggioramento del tono muscolare é da considerare potenzialmente dannoso. Al contrario, ogni stimolo tonificante o che induca un migliore equilibrio neuromuscolare e posturale é da considerare favorevole all’efficienza dell’organismo nella sua globalità.

La ricerca scientifica non ha ancora appurato quali siano le modalità ed i meccanismi della variazione del tono muscolare, evidenziabile anche in presenza di stimoli apparentemente banali. La pratica diagnostica si basa unicamente sui dati clinici… ed é risaputo che “val più la pratica che la grammatica”.

La semeiotica kinesiologica fornisce indicazioni circa la qualità dello stimolo (favorevole o sfavorevole) e non sulla quantità di ben-essere o mal-essere che esso induce: tali fattori sono impredicibili in quanto dipendono strettamente dalla reattività dell’individuo in quel partricolare momento della sua vita.
Vi sono infatti persone in grado di sopportare una dieta scorretta, o una grave malocclusione dentale o situazioni molto stressanti ecc. senza avvertire soggettivamente alcun serio malessere mentre altre persone, in condizioni oggettivamente migliori, possono soffrire di gravi disturbi. (vedi la banda di tolleranza).

Il seguire le terapie suggerite dal medico sulla base dei tests neuro-muscolari induce, di norma, un progressivo miglioramento soggettivo della qualità della vita e non va sottovalutato il vantaggio rappresentato dall’assenza di effetti collaterali negativi.

Lo scopo della semeiotica kinesiologica consiste nell’identificazione degli stimoli strutturali, metabolici ed emotivi, sempre srtettamente correlati tra loro, che interagiscono col Sistema Corporeo, al fine di migliorarne l’efficienza.
Un organismo efficiente ha ovviamente maggiori possibilità di godere di uno stato di ben-essere rispetto ad un organismo disturbato ed indebolito da squilibri o scompensi di qualsiasi genere.