Un soggetto ideale e in perfetta salute ha un tono muscolare equilibrato in tutto il corpo ed un assetto posturale eretto ed armonioso

Non è generalmente difficile individuare qualche disagio, manifesto o latente, semplicemente osservando una persona: in ogni caso ne sarà coinvolta la postura dell’ individuo.
Il tono muscolare cambia infatti continuamente in funzione degli stimoli (strutturali, metabolici o emozionali) a cui viene sottoposto l’ organismo.
Ne consegue inevitabilmente che il nostro modo di atteggiarci cambierà, in modo più o meno evidente, secondo il tono dei diversi muscoli posturali.

Quando il tono muscolare è squilibrato la postura sarà più o meno discosta dalla norma e l’ individuo tenderà a denunciare qualche indisposizione o, più frequentemente, in assenza di sintomi soggettivi, sarà in una fase di bilanciamento che potrà talora preludere all’ insorgere di qualche malessere che si manifesterà se e quando l’ organismo non avrà più sufficienti energie per mantenere lo stato compensato.

Osservando la posizione relativa dei vari segmenti corporei in rapporto ad una posizione ideale, l’analisi posturale e kinesiologica ci permette di ottenere importanti informazioni sullo stato generale dell’individuo e sugli stimoli più vantaggiosi per il mantenimento o il recupero degli equilibri del Sistema.